info@giuseppegioe.it

LOCAL Marketing

Negli ultimi tempi si è dedicato molto spazio al Local Marketing e questo per vari motivi: prima di tutto perché questa tipologia di clienti si è sostanzialmente accorta ora dell’importanza della promozione su Internet, in secondo luogo perché molt i big player del settore hanno tirato fuori degli ottimi strumenti legati al mondo local, pensiamo ad esempio alla pubblicità con target locale di Facebook, ma non solo.
Local-Marketing

Il Local Marketing è legato alla crescita impetuosa dell’utilizzo degli smartphone sempre connessi, che permette a questi dispositivi di geolocalizzarci, e ai marketer di fare promozioni molto mirate, territorialmente parlando.
Nell’ambito del Local marketing la parte da leone la fa la Local Search, ovvero la ricerca di beni e servizi nei
dintorni oppure in un determinato luogo, da parte degli utenti.
Il concetto di Local Search parte da molto lontano, tendenzialmente è alla base delle Pagine Gialle che sono apparse negli ultimi anni del 1800, fino ad arrivare alle potenti app nei nostri smartphone e dispositivi connessi. Per Local
Search Marketing si intendono, di conseguenza, tutte le attività di Marketing che hanno come obiettivo quello di portare più clienti nei negozi (o nelle altre tipologie di attività) usando tali strumenti.
All’interno del Local Search Marketing, inoltre, si è soliti suddividere la parte puramente “organica” che è quel la
corrispondente alla Local SEO e quella pubblicitaria legata a Google AdWords con le estensioni locali, oppure AdWords Express o anche Facebook Ads di tipo local.

Perché un ‘azienda dovrebbe prendere in considerazione la Local SEO?
Alcune recenti stime (fonte Google) ci dicono che tra il 25% e il 30% di tutte le ricerche hanno intenti locali, questo significa che le persone cercano un prodotto o un servizio vicino a loro o in un determinato luogo. L’aspetto interessante è che circa i tre quarti (76%) di coloro che effettuano una ricerca locale si reca in negozio entro un giorno, e di questi più di un quarto (il 28%) acquista poi qualcosa.
Quindi se sei un’attività locale, o lavori per essa, devi per forza considerare questo t ipo di attiviti). Il local Search Marketing è vitale soprattutto per alcune tipologie di business, pensiamo ad esempio ai ristoranti dove una parte
consistente del traffico arriva da questo canale.
Molti SEO vedono con fastidio quel Local-Pack (ovvero quel box contenente risultati locali ben visibile in SERP) che abbassa i risultati organici, ma dobbiamo essere consapevoli che Google cerca di soddisfare al meglio i suoi utenti, cercando di comprendere lo scopo delle loro ricerche. Quando capisce che dietro ad una ricerca c’è un intento locale, fa apparire quel box con le mappe. Ma se siamo un business locale, il nostro scopo dovrebbe essere proprio quello di ambire a comparire in quel box e lavorandoci un po’ possiamo riuscirci!
Come puoi f are ad apparire nel Local Pack e in generale ad ottenere una buona visibilità sulle mappe? I passi da fare sono tanti, cercherò di semplificare il tutto e di illustrarlo velocemente.

Occorre iniziare dal verificare o rivendicare la propria scheda Google My Business, ottimizzarla inserendo tutti i dati corrett i, la giusta categoria, tante foto, verificare che la posizione sulla mappa sia corretta. Poi colleghiamo la scheda
local al sito web o, nel caso di più sedi, alla pagina specifica del sito corrispondente (cosiddetta Locati on Page).
Su tale sito occorre poi fare attività SEO “Tradizionale” cercando di focalizzarci sul luogo in cui siamo, quindi ottenere link con la località come anchor text, e/o da siti locali.
Ovviamente i contenuti devono essere adeguati e localizzat i. Il collegamento tra scheda e sito è importante perché creiamo una connessione semantica tra la rispettiva pagina del sito e un luogo. Altri segnali importanti ai fini del ranking locale sono le recensioni, quindi bisogna ottenerne tante. E all ‘ultimo posto ( in calo) le citazioni, ovvero iscriversi su elenchi e portali locali ed iperlocali dove occorre avere l’accortezza di utilizzare sempre gli stessi dati
(cosiddetta consistenza dei dati).
Non sono da sottovalutare, infine, i segnali comportamental i degli utenti. Mi spiego meglio, se siamo conosciuti nel mondo reale perché facciamo pubblicità tradizionale, allora gli utenti cercheranno di più il nostro brand. Se abbiamo
più ricerche rispetto ai nostri competitor Google se ne accorge e ne tiene conto.