skip to Main Content
info@giuseppegioe.it

Smart Home sicure

I sistemi smart per la casa e connessi alla Rete sono pronti per resistere agli attacchi informatici?

La rete informatica di casa avrà bisogno di solide protezioni via via che le abitazioni diventeranno più smart home.

La crescente diffusione nel mercato consumer delle tecnologie smart per la casa, sta portando a un incremento  rapido del numero delle funzioni di sicurezza, di sorveglianza e di controllo delle abitazioni esposte sulla Rete  attraverso i sistemi di controllo e gestione che offrono gateway per l’accesso remoto agli utenti.
Un aspetto che andrebbe valutato in anticipo, prima di dover correre ai ripari è quello relativo alla sicurezza di tali
sistemi contro gli attacchi informatici.
Quando in campo domotico si parla di sicurezza contro le effrazioni ci si riferisce a una serie d i sistemi hardware e servizi che consentono di rilevare un tentativo di intrusione, di attivare reazioni automatizzate a livello locale e di notificare l’informazione in remoto al proprietario e eventualmente alle forze dell’ordine.
A differenza degli impianti classici utilizzati in passato, ma molto diffusi ancora oggi, i sistemi di sicurezza domotici
combinano le funzioni di sicurezza standard (allarmi di protezione perimetrale esterna, protezione perimetrale interna e protezione volumetrica) con altri dispositivi legati al controllo degli accessi (serrature elettroniche,  tapparelle e lucernari motorizzati), alla videosorveglianza interna e con i servizi telefonici e informativi per  assicurare non solo una gestione locale, ma anche remota.
Gli impianti in commercio possono essere divisi in due grandi categorie: quelli di tipo integrato e quelli meno strutturati che prevedono l’utilizzo di uno sciame di sensori e dispositivi collegati prevalentemente per mezzo di una
rete wireless e tipicamente connessi a un servizio di gestione cloud esterno.
Al di là delle diversità specifiche in  termini di caratteristiche e costi d’installazione, i quesiti da porsi quando si decide di implementare funzioni di sicurezza sono relativi alle differenze in termini di resistenza contro gli attacchi
esterni e a come proteggere in modo corretto i punti più vulnerabili delle proprie difese.
Le prime sono quelle generalmente offerte dai grandi brand che si occupano di home e building automation. Gli impianti di tipo integrato utilizzano generalmente collegamenti di tipo cablato. ln questo modo si riducono al  minimo le possibilità di attacco informatico diretto ai singolo sensori o punti di controllo;  malintenzionati  dovrebbero quindi avere accesso fisico a uno dei dispositivi per poter accedere alla rete di controllo del sistema domotica. In questo caso il punto critico è il nodo di connessione della centrale domotica con i servizi Internet esterni.
[amazon_link asins=’B015B3RJG8,B00OCRFG74,B01N90DDEM,B00NSM9XOG,B00UKFYV5K,B01HZR466E,B016D0O10U’ template=’ProductCarousel’ store=’giugio-21′ marketplace=’IT’ link_id=’b3dfd967-06ad-11e7-b9b5-054688ac321e’]

L’hub di connessione è, infatti, il punto più esposto e al tempo stesso è quello da cui dipende la gestione dell’ intero impianto. Per questo motivo dovrebbe essere corredato di protezioni invalicabili, ma non sempre è così.
Un impianto domotica ben realizzato dovrebbe in primo luogo far uso di cablaggi fisici dove possibile in modo
da ridurre al minimo i punti di accesso attraverso comunicazioni radio, disporre di protezioni adeguate sui  dispositivi wireless presenti e mettere in sicurezza punto più critico, ovvero la centralina di connessione alla Rete.
Sebbene sia molto conveniente dal punto di vista economico e di installazione, l’utilizzo della connettività wireless
fornisce un possibile vettore di attacco senza la necessità di avere accesso fisico ai dispositivi o alla rete. Non sorprende che la rapidità con la quale il mercato si sta evolvendo abbia portato a rilasciare prodotti che presentano vulnerabilità ormai accertate. Secondo un’analisi eseguita da Tripwire, è risultato che alcuni device molto popolari – SmartThing Hub, WinkHub e MiOS Vera – mostrano vulnerabilità ad attacchi esterni. Tali vulnerabilità potrebbero permettere ai malintenzionati di prendere il controllo del sistema smart e di sfruttarlo a proprio vantaggio, trasformando il sistema di sicurezza in un bacino di informazioni preziosissime per chi volesse introdursi nell’abitazione. Grazie al controllo dei sensori posizionati sugli accessi, quelli di presenza e delle videocamere è possibile scoprire se e quando avete lasciato la vostra abitazione, quali varchi sono stati lasciati aperti (magari avete volutamente lasciato socchiusa w1a finestra per far circolare l’aria) e in quali stanze sono presenti persone. Ancora, l’accesso alla rete smart permetterebbe di cambiare le impostazioni dell’impianto di allarme, di aprire le serrature elettroniche e di accedere all’eventuale rete domestica e ai d ispositivi ad essa connessi per sottrarre informazioni personali.
Per ottenere un ambiente domestico non solo smart, automatizzato, sicuro, ma anche protetto è necessario  implementare quelle difese che dovrebbero generalmente essere adottate anche per proteggere una rete domestica che non controlla una smart home. Tali difese prevedono l’utilizzo di un firewall e di connessioni Vpn (Virtual Private Network) sulle quali tutte le informazioni viaggiano in modo cifrato. Va comunque prestata inoltre  particolare attenzione a quali altri dispositivi sono presenti nella rete domestica, a come sono collegati e configurati. Basta infatti inserire nel punto sbagliato della rete un dispositivo visibile dall’esterno e facilmente attaccabile per lasciare una porta di accesso aperta che può essere utilizzata per sottrarre informazioni utili o addirittura prendere il controllo dell ‘intero impianto.
Poiché la maggior parte degli utenti non è esperta di sicurezza informatica, la responsabilità ricade al momento
sui produttori dei dispositivi come singoli elementi o come parti di soluzioni più complesse e, ovviamente, degli installatori.

 

Back To Top