skip to Main Content
info@giuseppegioe.it

GUIDA COMPLETA PER IMPARARE A SVILUPPARE SU ANDROID

Post Series: Android

CONCETTI FONDAMENTALI DI PROGRAMMAZIONE MOBILE: I LAYOUT

Abbiamo visto che le activity possono essere immaginate come finestre vuote dentro le quali disporre i nostri contenuti (testi, foto, pulsanti, .. . ).

Per organizzare al meglio tali contenuti e disporli secondo le nostre esigenze all’interno delle activity è necessario introdurre il concetto di Layout.

Il mondo dei layout è comune ad altri ambienti di programmazione ed è il primo vero argomento che deve essere affrontato da un neo-programmatore al fine di avere la piena padronanza del linguaggio. I layout vengono usati per modellare l’interfaccia grafica e la disposizione esatta dei contenuti sul display del device ospite. Possiamo pensarli come dei contenitori di diversa forma: spetta a noi scegliere la forma più adatta e riempirla per i nostri scopi.

Vedremo che un layout si può definire tramite XML oppure tramite il potente strumento visuale offerto da Android Studio.

Esistono differenti tipi di layout, pensati per dare grande flessibilità adattandosi alle necessità applicative.

I layout possono essere innestati tra di loro: sono dei contenitori indipendenti che possono contenere al loro interno testi, foto, ma anche altri layout! E’ questo un aspetto importante che fa si che ci possa essere un contenitore principale (c.d. root) e dei contenitori secondari.

I tipi di layout più usati sono:

LinearLayout (nelle varianti verticale ed orizzontale): consente di inserire i diversi elementi della pagina in modo sequenziale dall’alto verso il basso (versione verticale) o da sinistra verso destra (versione orizzontale).

RelativeLayout: molto flessibile usato per definire in modo relativo, ovvero rispetto agli altri elementi, il posizionamento degli stessi all’interno del contenitore implementando di fatto un layout fluido che si adatta bene a display diversi.

TableLayout: con questo layout gli elementi vengono disposti in una tabella. Si presta quindi a rappresentare in modo ordinato e regolare gli elementi suddivisi in righe e colonne a mo’ di griglia proprio come accade con le tabelle HTML.

Esistono altri tipi di layout, per il momento comunque ci bastano le nozioni fin qui esposte.

 

 

 

Back To Top